Amazon lancia Kindle Unlimited: è davvero così bello come sembra?

kindle-unlimitedAmazon ha lanciato Kindle Unlimited, il servizio in abbonamento a 9,99 euro al mese che mette a disposizione del lettore più di 700 mila libri per il Kindle.

Il servizio è gratuito per un primo mese di prova, in modo da lanciare il prodotto. Non tutti gli editori e non tutti i libri fanno al momento parte della «biblioteca» di Kindle Unlimited ma esclusivamente quelli contrassegnati da un apposito logo. Tra i titoli disponibili non mancano i bestseller, come La mia Londra di Simonetta Agnello Hornby, Stoner di John Williams e Dodici di Zerocalcare. Non mancano neppure le saghe, con le quali Amazon grazie all’ offerta Unlimited si potrebbe accattivare l’enorme pubblico di amanti del binge-reading. La formula dell’abbonamento non è certo una novità assoluta quando si parla di e-book, soprattutto negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Spagna e Germania, dove, tra l’altro, Amazon aveva già lanciato Kindle Unlimited. Il fatto che a far da pioniere per l’abbonamento degli e-book in Italia sia proprio Amazon, e il Kindle è uno dei dispositivi più diffusi sul mercato italiano, potrebbe determinarne il successo, seppur tardivo, anche nel nostro paese. Cavoli, detta così sembra una figata. E invece. Invece no. Perché Kindle Unlimited ti offre esattamente ciò che ti offre una biblioteca. A pagamento, però. Tra l’altro c’è la biblioteca digitale Medialibrary, in cui puoi prendere in prestito ebook. Inoltre, dei 700 mila titoli disponibili solo 15 mila sono italiani e, come c’era da aspettarsi, sono esclusi i libri appena pubblicati. Questo numero non è sufficiente nemmeno a coprire buona parte del catalogo, e molti libri famosi non fanno parte di Kindle Unlimited. In più, e questa è la cosa fondamentale, vogliamo davvero dare ancora più potere al già enorme potere di Amazon? Perché l’avere a disposizione questi libri con Kindle Unlimited ci porterà a non comperare più altri libri che non sono disponibili su Unlimited, né in cartaceo né in digitale, privando così il mercato editoriale di un’altra fetta di vendite. Ecco perché, una volta terminato il mio mese di prova, non rinnoverò l’abbonamento. Intanto, però, mi leggo Stoner La mia Londra più in fretta che posso. Chissà, magari mi rimane un posticino anche per altro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...