La Recensione: J.L. Bourne, “Diario di un sopravvissuto agli Zombie”

diario di un sopravvissuto agli zombie

J.L. Bourne

Nato in una piccola cittadina dell’Arkansas, attualmente risiede a Washington D.C. È un ufficiale della Marina Militare Americana, e ha all’attivo numerose missioni di supporto all’operazione Iraqi Freedom.

Diario di un sopravvissuto agli Zombie è nato sotto forma di diario personale in cui raccontava gli orrori della guerra, solo che i protagonisti erano gli zombie. Presto il diario si è trasferito sul web, dove ha ottenuto un discreto successo. È stato pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2007.

Diario di un sopravvissuto agli Zombie è solo il primo capitolo di una trilogia, di cui i volumi successivi sono Oltre l’esilio la clessidra infranta.

J.L.Bourne, trilogia, diario di un sopravvissuto agli zombieTrama

Diario di un sopravvissuto agli Zombie è il diario personale di un Anonimo Sopravvissuto all’epidemia che in pochi giorni ha trasformato gli uomini in non morti  che vagano putrefatti in cerca di carne fresca da divorare. All’inizio il protagonista, di cui non si fa mai il nome, è solo e barricato in casa sua, ma poi scopre la presenza di un sopravvissuto, John, e della sua cagnetta Annabelle, a poche case di distanza dalla sua. Costretti a fuggire salvano una famiglia (William, Jan e la piccola Laura) assediata dagli zombie e una giovane donna, Tara. Il gruppetto è costretto a superare vari ostacoli per sopravvivere.

Recensione

La copertina di questo libro è veramente d’effetto. Realizzata con un materiale volutamente grezzo, che sembra riprodurre il cartone da imballaggio, raffigura su uno sfondo giallo canarino come uccidere gli zombie in modo stilizzato: mirando al cervello con un coltello, con una pistola o dandogli fuoco. La Multiplayer Edizioni ha indetto un contest (da agosto a ottobre 2012) aperto a tutti gli artisti che hanno voluto cimentarsi. Quella scelta è disegnata da Marco Sciacqualani. Le immagini di alcune copertine proposte le trovate in questa pagina del sito della casa editrice, dedicata al contest per la copertina. Vi consiglio di darci un’occhiata perché sono veramente belle.

Diario di un sopravvissuto di Zombie piacerà a tutti quelli che, come me, sono appassionati di Zombie. Ho trovato la trama molto avvincente, non vedo l’ora di leggere gli altri due capitoli PER VEDERE COME ANDRÀ A FINIRE!!

Il fatto che la vicenda sia raccontata in prima persona in forma di diario, aggiunge un tocco in più alla narrazione, anche se la grande pecca di J.L. Bourne è la mancanza assoluta di caratterizzazione dei personaggi. Non solo gli uomini con cui l’Anonimo Protagonista vive mancano totalmente di profondità, ma anche il narratore stesso, seppur scriva un diario, non lascia mai trasparire ciò che pensa o la sua disperazione, a parte sporadici accenni: «Mi chiedo se valga ancora la pena di vivere», «L’Inferno è qui», «Stasera sono troppo sconvolto per scrivere».

Questo libro si inserisce all’interno di una moda, quella dei racconti, film, serie tv, sugli zombie che al momento è fin troppo popolare, e che rende ogni nuova rivisitazione più o meno simile alle altre. Con questo non voglio intendere che la storia di Bourne sia scontata o banale, anzi il fatto che lo scrittore sia un militare fa si che aggiunga alla vicenda particolari dettagliatamente realistici, ma di fatto non c’è nulla che si discosti troppo dal cliché: la lotta per sopravvivere, i continui spostamenti, gli zombie vengono attratti dai rumori e possono essere uccisi solo se colpiti alla testa, le lotte anche tra sopravvissuti che si contendono le armi o i rifugi migliori. Se vi piace tutto questo amerete la trilogia di Bourne!

Vi segnalo alcune recensioni anche per i volumi successivi. Per Oltre l’esilio questa del blog Scrittevolmente e quest’altra di Minuetto Express. Per La clessidra infranta Libri di Lo.

 

Titolo Originale: Day by day Armageddon

Editore: Multiplayer.it Edizioni

Pagine: 252

Prezzo: € 14,90

Formato: rilegato in brossura, copertina in cartoncino ruvido, che si rifà al cartone da imballaggio, con alette.

Giudizio complessivo: ★★★

Annunci

3 thoughts on “La Recensione: J.L. Bourne, “Diario di un sopravvissuto agli Zombie”

      1. ovviamente World War Z,

        poi a proposito di trilogie:

        del Diario leggi anche gli altri 2, la vicenda e il modo di scrittura cambia e migliora pure. mi è piaciuto moltissimo.

        Apocalisse Z di Loureiro tutte e tre i libri in un crescendo di colpi di scena.

        ho appena letto EX-supereroi contro gli Zombie e l’ho trovato divertentetissimo come un fumetto marvel. ho già il secondo e aspetto che pubblichino il terzo.

        anche AUTUMN non è male… abbastanza un classico

        Orgoglio Pregiudizio e Zombie…notevole.

        in Italia a me è piaciuto un casino Diario di guerra contro gli Zombi di Nicola Furia.

        c’è da divertirsi in mezzo ai non-morti.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...