“I viaggi di Gulliver”, un’edizione pocket del 1969

Gulliver Travels, I viaggi di Gulliver, copertina, Uno nessuno e centomila libri

Gulliver Travels, I viaggi di Gulliver, copertina, Uno nessuno e centomila libri

Ho comperato questa edizione di I viaggi di Gulliver in una libreria di libri usati a Dublino. Swift è, insieme a Oscar Wilde e Bram Stoker, uno dei grandi scrittori irlandesi, e mi sembrava d’uopo tornare a casa con un’edizione di un suo libro in lingua originale. 😉

Si tratta di un libbriccino di 15 x 9 cm, con copertina rigida con una sopraccoperta blu. È un’edizione del 1969 della Oxford University Press, che fa parte della collana World’s Classics, di cui trovate qui la nuova edizione.

Storia editoriale di I viaggi di Gulliver

I viaggi di Gulliver (Travels into Several Remote Nations of the World, in Four Parts. By Lemuel Gulliver, First a Surgeon, and then a Captain of Several Ships), è stato pubblicato in due volumi nell’ottobre del 1726 a Londra dall’editore Benjamin Motte. Il testo venne riveduto e corretto da Motte, che temeva venisse ritenuto “troppo audace”.

Nel maggio del 1727 venne pubblicata, sempre da Motte, una “edizione corretta” che teneva maggiore conto del testo originale. Tuttavia la versione più fedele alle intenzioni originarie dell’autore venne pubblicata da Ford, solo nel novembre del 1734 (anche se il frontespizio porta la data del 1735) a Dublino, all’interno del terzo volume delle Opere di Swift edite da George Faulkner

I-viaggi-di-Gulliver

Gullivers_travels_prima-edizione
Prima edizione di “Gulliver’s travels”, London, 1726.

 

Trama

Parte I

Gulliver, capitano di marina, mentre è in viaggio sulla nave, è vittima di un naufragio dal quale riesce a salvarsi raggiungendo la riva a nuoto. Si ritrova così nello sconosciuto paese di Lilliput, dove viene fatto prigioniero dagli abitanti, omini alti quanto le dita di una mano. I viaggi di Gulliver sono un’opera allegorica e ironica sull’umanità, e Lilliput rappresenta la facilità degli uomini di prendersela e litigare anche per le cose più piccole. Gli abitanti di Lilliput, infatti, sono dividi da un’irresolubile controversia che li porta addirittura al fratricidio, causata dal diverso parere su quale sia il modo più corretto di rompere le uova. Alla fine grazie a un caso fortunato riesce a tornare a casa.

Parte II

Gulliver affronta un altro viaggio che lo porta stavolta a Brobdingnag dove gli uomini sono giganti. Dopo essere stato trovato da un contadino che lo utilizza come un vero e proprio fenomeno da baraccone, Gulliver viene venduto alla famiglia reale dove soggiorna per parecchio tempo, sempre alla stregua di un giullare.

L’ufficiale giullare di corte, però, geloso della popolarità ottenuta da Gulliver, attenta alla sua vita. Il re ingaggia due guardie del corpo, che lo proteggono finché non riesce a tornare a casa di nuovo.

Per la legge del contrappasso, il mondo di Brobdingnag rappresenta l’eccesso e l’abbondanza di ogni cosa.

Parte III

Il terzo viaggio di Gulliver avviene a Laputa, dove gli abitanti sono dei pazzoidi fissati con le scienze matematiche e astronomiche, tanto che creano strumenti e macchine privi di utilizzo e di senso. La loro passione per la scienza e la razionalità li porta ad avere uno stile di vita talmente astratto da non essere più in contatto con la realtà.

Parte IV

Il quarto ed ultimo viaggio porta Gulliver nel mondo degli Houyhnhnms, esseri simili a cavalli, saggi e molto intelligenti. Gli umani, gli Yahoos, sono qui abbruttiti e degenerati, e considerati dagli Houyhnhnms alla stregua di animali. Gulliver viene esiliato per via della sua somiglianza con gli Yahoos, e costruisce una zattera per poter tornare in Inghilterra.

l mondo degli Houyhnhnms e` un mondo perfetto, dove tutti sono intelligenti e dove non esistono vizi, ma è proprio questa l’imperfezione. Si tratta di una parodia dell’ideale dell’Utopia che si stava diffondendo in quegli anni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...