La Recensione: P.D. James – Morte a Pemberly

morte a pemberley, recensionemorte a pemberley, recensione morte a pemberley, recensioneTrama

Sono passati sei anni da quando Elizabeth Bennet e Mister Darcy si sono sposati, e non potrebbero essere più felici. Ma alla vigilia del ballo annuale in onore di Lady Anne, la madre di Darcy, il fedele amico di George Wickham, Denny, viene assassinato nel bosco della splendida tenuta di Pemberly. Accusato dell’omicidio è proprio George Wickham, che sembra non riuscire a smettere di creare complicazioni nella vita di Mr Darcy…

Recensione

Ebbene si. Sono caduta nella trappola e ho comperato uno di quei romanzi ispirati ai grandi classici, che spesso risultano totalmente deludenti. Di questo, però, avevo letto una recensione che me l’aveva presentato molto bene: non si tratta, infatti, del solito seguito sentimentale di Orgoglio e pregiudizioma di un giallo ambientato a Pemberley (la dimora di Mister Darcy ed Elizabeth), e scritto da una grande maestra del giallo, P.D. James.

Non ho mai letto altri romanzi della James, quindi non posso giudicare in generale, ma per quanto riguarda Morte a Pemberley posso affermare con certezza che non è tra i gialli più riusciti: non c’è grande movimento, né mistero, né suspense. La storia procede lineare e tranquilla fino alla sua soluzione, senza colpi di scena che sconvolgono il lettore.

Le parti migliori sono quelle in cui si ricorda il passato, come Mister Darcy ed Elizabeth si sono conosciuti, ovvero sostanzialmente la trama di Orgoglio e pregiudizio. I personaggi sono coerenti con quelli della Austen, semplicemente cresciuti, e c’è una new entry: uno spasimante di Georgiana, Mr Alveston.

Tutto sommato, non è una brutta lettura: è un romanzo piacevole e veramente ben scritto. Lo consiglio a chi ama i gialli ed è innamorato, come me, di Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen.

P.S. Ho scoperto da poco un altro romanzo che prende le mosse da Orgoglio e pregiudizio che non mi sembra male (almeno a leggerne la recensione di Giulia Borgese su La Lettura del Corriere della Sera): Longbourn House di Jo Baker, dove protagonisti sono i membri della servitù della famiglia Benneth. La storia è quindi parallela a quella di Orgoglio e pregiudizio, ma è focalizzata su altre vicende, di cui il protagonista è un nuovo valletto bello e misterioso…

 

Titolo originale: Death Comes to Pemberly.

Editore: Oscar Mondadori.

Pagine: 345.

Prezzo: 10 euro.

Formato: rilegato in brossura. Copertina di cartoncino leggero, di colore nero. L’immagine in prima di copertina raffigura una carrozza che si lascia indietro una scia di sangue.

Giudizio complessivo: ♥♥♥

Annunci

3 thoughts on “La Recensione: P.D. James – Morte a Pemberly

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...