Recensione: James Dashner – Maze Runner, La fuga.

maze runner la fuga recensione maze runner la fuga recensione

Il Labirinto e i viscidi Dolenti sono ben poca cosa se paragonati alla lunga marcia che la malefica organizzazione denominata C.A.T.T.I.V.O. ha pianificato per i pochi sopravvissuti che tiene prigionieri, i Radurai, attraverso la Zona Bruciata. La squallida landa inaridita da un sole accecante è sferzata da tempeste di fulmini, e popolata da esseri umani che l’Eruzione, il temibile morbo che rende folli, ha ridotto a zombi assetati di sangue. Nelle due settimane in cui dovranno percorrere i centocinquanta chilometri che li separano dal porto sicuro, la loro meta, tra cunicoli sotterranei infestati da sfere metalliche affamate di teste umane e creature senza volto dagli artigli letali, i Radurai dovranno dar prova del loro coraggio e dar voce al loro istinto di sopravvivenza. In questo scenario di desolazione, superando le insidie di città fatiscenti e foreste rase al suolo, il viaggio verso il luogo misterioso in cui potranno ottenere la cura che salverà loro stessi e il mondo diventerà per Thomas, Brenda, Minho e gli altri un percorso di scoperta del proprio mondo interiore, del limite oltre il quale è possibile spingere le proprie paure.

Dopo aver letto il primo libro della trilogia che mi è piaciuto un sacco, finalmente sono riuscita a leggere anche il secondo, intitolato La Fuga. Mi è, però, piaciuto meno del primo, come sempre mi accade quando la storia si fa troppo più complicata e più inverosimile. Lo so cosa state pensando: visto il genere, inverosimile lo è dall’inizio e per sua costituzione, sì è vero, d’accordo, ma a me piace quando nell’inverosimiglianza la logica degli avvenimenti rimanga intatta. Qui, invece, le cose incominciano a non tornare più e ci sono troppi voltafaccia delle persone, come Teresa per esempio (e altri di cui non faccio i nomi per non svelarvi la trama).

Comunque, l’intreccio continua a farti trattenere il fiato, perché ciò che accade è completamente inaspettato, anche se decisamente troppo oscuro questa volta. Infatti molte cose che accadono, e di cui al lettore non potrebbe venire in mente neppure una singola spiegazione logica, non vengono affatto spiegate.

Cosa succederà nel terzo libro? Come andrà a finire per gli ex Radurai? Sconfiggeranno l’Eruzione?

Editore: Fanucci.

Pagine: 361.

Prezzo: 14,90

Formato: 14 x 21 cm, copertina in tela rigida color cachi, con sovraccoperta patinata lucida nera.

Giudizio complessivo: ★★★

Annunci

One thought on “Recensione: James Dashner – Maze Runner, La fuga.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...