Jane Eyre, l’edizione di The Pocket Library del 1957.

Charlotte Brontë, Jane Eyre, edizione pocket inglese del 1957 Charlotte Brontë, Jane Eyre, edizione pocket inglese del 1957 Charlotte Brontë, Jane Eyre, edizione pocket inglese del 1957 Charlotte Brontë, Jane Eyre, edizione pocket inglese del 1957Charlotte Brontë, Jane Eyre, edizione pocket inglese del 1957 Charlotte Brontë, Jane Eyre, edizione pocket inglese del 1957

Annunci

Emily Brontë, “Cime tempestose”, l’edizione della Penguin Classics

«I’ve dreamt in my life dreams that have stayed with me even after, and changed my ideas; they’ve gone through and through me, like wine through water, and altered the colour of my mind».

«Ho sognato nella mia vita sogni che son rimasti sempre con me, e che hanno cambiato le mie idee; son passati dentro e attraverso di me, come il vino attraverso l’acqua, ed hanno alterato il colore della mia mente». (Cathy a Nelly Dean, cap. IX).

Pride and prejudice, Penguin Classics

«Ora mi degraderebbe sposare Heathcliff, così non saprà mai quanto io lo ami: e non perché sia bello, Nelly, ma perché lui è più me stessa di quanto non lo sia io. Di qualsiasi cosa siano fatte le nostre anime, la mia e la sua sono la medesima cosa; e quella di Linton è diversa quanto un raggio di luna da un lampo, o il gelo dal fuoco». (cap. IX).

Pride and Prejudice, Penguin Classics

«Le mie grandi sofferenze in questo mondo sono state quelle di Heathcliff, e le ho viste e vissute tutte fin dal principio; il mio pensiero principale nella vita è lui. Se tutto il resto morisse, e lui rimanesse, io continuerei ad esistere; e se tutto il resto continuasse ad esistere e lui fosse annientato, l’universo si trasformerebbe in un completo estraneo: non ne sembrei parte. – Il mio amore per Linton è come il fogliame nei boschi: il tempo lo cambierà, ne sono consapevole, come l’inverno cambia gli alberi. Il mio amore per Heathcliff somiglia alle rocce eterne che stanno sotto quegli alberi: una fonte di piacere ben poco visibile, ma necessaria. Nelly, io SONO Heathcliff! Lui è sempre sempre, sempre nella mia mente: non come una gioia, non più di quanto io lo sia per me stessa, ma come il mio stesso essere. Quindi non parlare più di separazione: non è possibile». (cap. IX).

Pride and Pejudice, Penguin Classics

«Io vorrei che mi dicessi, in tutta sincerità, se Catherine soffrirebbe molto per la sua perdita: è ciò, che mi trattiene. E qui, vedi, sta la differenza tra i nostri sentimenti: se lui fosse stato al mio posto e io al suo, sebbene io lo odii di un odio che mi ha avvelenato tutta la vita, non avrei mai alzato una mano sopra di lui. Padronissima di non credermi, se vuoi. Io non lo avrei mai allontanato dalla sua compagna, finché a lei fosse piaciuto. Al momento stesso in cui Cathy non gli avesse più voluto bene, gli avrei strappato il cuore e bevuto il sangue: ma fin là, e se non mi credi non mi conosci, ma fin là sarei morto ad oncia ad oncia prima di torcergli un capello!» (cap. XIV)

IMG_1425

Cime tempestose è stato pubblicato nel 1847 con lo pseudonimo di “Ellis Bell”, e fin da subito è stato elogiato da alcuni critici per la sua originalità, mentre dall’altra molti l’hanno condannato per le scene di crudeltà e per la mancanza di moralità, per lo meno quella convenzionale dell’epoca.

Molte copie le vendette per associazione con il libro scritto da sua sorella Charlotte, Jane Eyre, che nel 1947 fu uno dei maggiori best seller. Non ne raggiunse però le vendite, almeno fino al ventesimo secolo, quando incominciò ad avere più successo tra la massa e i critici, che iniziarono a stimarlo come meritava.

Non esiste nessun manoscritto di Cime tempestose. Gli editori quindi scelgono in genere tra il riportare la prima o la seconda edizione del testo. La prima, pubblicata nel Dicembre 1847 da Thomas Newby, che è quella che la Penguin ha deciso di adottare, necessita comunque di amendare alcuni errori di stampa. Altri editori scelgono la seconda edizione perché è quella che ha avuto maggior favore presso il pubblico, sebbene sia stata pesantemente modificata, nella punteggiatura, nella sintassi e nelle espressioni, da Charlotte Brontë.

Wuthering Heights, first edition cover
Frontespizio della prima edizione di “Wuthering Heights”.

 

Il fascino di Cime tempestose.

Cime tempestose è stato riadattato in numerosi pellicole cinematografiche, opere teatrali, musical e sequel. Tutte queste reinterpretazioni hanno in comune una cosa: vedono, nella storia di Heathcliff e Cathy, la quintessenza della storia d’amore romantica. In realtà, la loro, è una passione quasi incestuosa, scandalosa e morbosa tra una persona cattiva e una egoista oltre ogni misura. Per quanto mi riguarda, è questo lato dark che conferisce Cime tempestose il suo fascino, insieme alla bellezza di un amore talmente forte, talmente folle, di due persone che si appartengono a tal punto che non riescono a non stare insieme o a non ferirsi a morte reciprocamente. Cime tempestose è un libro dalla natura definitivamente, completamente e decisamente inquietante. Suscita un tormento emozionale che rimane irrimediabilmente irrisolto dall’inizio alla fine.

 

Per chi ama “Piccole Donne”, l’edizione della Penguin Threads

IMG_1340

IMG_1342

IMG_1355

IMG_1359  IMG_1367

Paul Bauckley, art director della casa editrice Penguin Books, ha ideato la serie Penguin Threads all’interno della collana Penguin Classics Deluxe Edition. Il disegno originale delle copertine dei libri che ne fanno parte sono cuciti a mano, poi riprodotti fedelmente, comprese le cuciture sul retro a rilievo.

IMG_1368

IMG_1370

IMG_1371

IMG_1372

IMG_1373

IMG_1375

 

L’autrice di questa copertina fatta a mano è Rachell Sumpter, che ha ideato anche le copertine di The Wizard of Oz The Wind in the Willows.

penguin-threads-willowa penguin-threads-oz

 

Alla Penguin Threads appartengono anche The secret garden (di cui trovate un’altra edizione in questo post), Emma di Jane Austen e Black Beauty di Anna Sewell, disegnati invece da Jillian Tamaki.

penguin_threads-garden penguin-threads-emma penguin-threads-black

Piccole Donne può essere letto a undici anni, a quindici, o a venti, oppure a trentasette anni, e viene apprezzato a tutte le età. È essenzialmente un romanzo il romanzo americano per ragazze, importante quanto Le avventure di Huckleberry Finn lo è per i ragazzi.

Eppure Louisa May Alcott non avrebbe mai voluto scrivere storie al femminile, come ho già detto nell’articolo sull’altra edizione della Penguin di Piccole Donne, l’Hardcover Clothbounds, che avete visto anche qui in fotografia. Eppure è proprio grazie a Piccole Donne che ha conosciuto il successo.

Cercando ispirazione per scrivere questo romanzo, la Alcott disse al suo editore (Thomas Niles), che non si occupava molto di ragazze, eccetto delle sue tre sorelle e di sua madre. Così fu più che altro per mancanza di materia prima che inventò le quattro sorelle March e la figura della loro madre.

Meg è carina e amata da tutti, vorrebbe vestirsi alla moda e frequentare l’alta società, ma imparerà presto ad avere migliori valori. Jo, poco femminile, un torrente in piena, è schietta ed energica, imparerà il tatto e la pazienza. Beth è semplicemente un angelo, ma non è abbastanza forte per il affrontare il mondo. Amy, l’antagonista naturale di Jo, è egoista e vanesia, ma diventerà una signora a modo, buona e nobile.

 

“Piccole donne”, la storia editoriale e l’edizione Clothbound Hardcover della Penguin

Piccole Donne, Penguin Classics, foto di Uno, nessuno e centomila libri

Piccole Donne, Penguin Classics, foto di Uno, nessuno e centomila libri

Piccole Donne, Penguin Classics, foto di Uno, nessuno e centomila libri

 

Piccole Donne, Penguin Classics, foto di Uno, nessuno e centomila libri

 

little women-first edition
“Piccole Donne” nella copertina della prima edizione del 1868.

Piccole Donne è stato pubblicato da Roberts Brothers a Boston, in due volumi, il primo nell’Ottobre 1868 e il secondo nell’Aprile 1869. I due volumi non avevano, nell’intenzione della Alcott, alcuna distinzione di titolo, se non nell’indicazione “Parte I” e “Parte II”, ma già quando vennero pubblicati in Inghilterra il secondo era diventato “Good wives”, mentre oggi in Italia tutti lo conoscono come “Piccole Donne crescono”.

In un mese il primo volume vendette più di 2000 copie, classificandosi come grande successo, tant’è che il secondo volume arrivò a 13,000 copie in un mese.

Nel 1880 le due parti vennero riunite in un unico volume, con 200 illustrazioni del popolare artista Frak T.Merrill. In questa occasione la Alcott fece un certo numero di cambiamenti nel testo, correzioni grammaticali, modificando la dizione e qualche schietta descrizione, che feriva le aspettative delle lettrici, abituate a una prosa più educata e signorile.

L’edizione della Penguin non tiene però conto di queste correzioni, riportando il testo nella sua forma originale, e questo le aggiudica ancora più pregio e ammirazione da parte mia.

Louisa May Alcott iniziò a scrivere Piccole Donne non di getto, come ci si potrebbe aspettare, ma sotto l’istigazione di un editore di Roberts Brothers, che le commissionò un romanzo femminile. Niente affatto convinta, la Alcott, che fino ad allora aveva scritto raccapriccianti thriller sotto vari pseudonimi, inizialmente aveva pensato a un romanzo satirico sulla visione delle donne dell’epoca. Mentre scriveva, però, aveva abbandonato l’idea. Una volta conclusi i 23 capitoli che concludevano la prima parte della storia, si sorprese positivamente del suo lavoro, trovandolo «not a bit sensational, but simple and true, for we really lived most of it».

Subito dopo aver pubblicato il primo volume gli editori spinsero la Alcott a portare avanti la storia delle quattro sorelle March, che lei scrisse di getto a un ritmo di un capitolo al giorno. Per accontentare le sue lettrici, che le chiedevano con chi si sarebbero sposate le sorelle March, stabilì un futuro matrimoniale per ognuna, ma si rifiutò di far sposare Jo a Laurie, come tutte le lettrici speravano, perché sarebbe stato troppo prevedibile.